lavoro · 27 Ottobre 2019

DIPENDENTI DALL’EST NEL MERCATO DEL LAVORO POLACCO

Ostania aktualizacja 27 Ottobre 2019

l mercato del lavoro polacco ha registrato un deficit di lavoro da qualche tempo. Questo è il risultato di un’ondata di emigrazione iniziata quando i mercati del lavoro polacchi sono stati aperti ai cittadini polacchi dopo l’adesione della Polonia all’Unione europea. Per diversi anni, questo deficit è stato colmato con successo dai dipendenti principalmente dall’Ucraina, ma anche dalla Moldavia, dalla Georgia e dalla Bielorussia. Sebbene in settori come l’edilizia o l’agricoltura, i lavoratori dell’Est sono una manna per i datori di lavoro, molti di loro sono terrorizzati dalle formalità che immaginano quando impiegano gli stranieri. Completamente inutile, perché da tempo le formalità legate all’impiego di stranieri sono molto più semplici.

Come assumere un dipendente dall’est?

Per assumere un dipendente dall’Est, tutto ciò che devi fare è registrare presso l’Ufficio del Lavoro una dichiarazione della tua intenzione di affidare un lavoro a uno straniero, a condizione che l’ufficio del lavoro non abbia trovato una persona adatta tra i cittadini polacchi. Sulla base di tale dichiarazione, uno straniero può lavorare in Polonia per 180 giorni entro 12 mesi consecutivi. Per rimanere e lavorare più a lungo in Polonia, deve richiedere un permesso presso il Voivodship Office, giustificando la domanda con la dichiarazione di intenzione del datore di lavoro di continuare a lavorare.

Molto spesso, tuttavia, sia i datori di lavoro che i dipendenti hanno la rotazione a portata di mano. I datori di lavoro evitano l’onerosa burocrazia associata alla richiesta di prolungare il soggiorno di uno straniero, mentre i dipendenti dell’est hanno l’opportunità di andare nel loro paese d’origine e trascorrere del tempo con le loro famiglie. Di solito, dopo un certo periodo di tempo, quando è possibile assumere nuovamente uno straniero sulla base di una dichiarazione, lui o lei tornerà a lavorare in Polonia.

I dipendenti che hanno una carta polacca possono essere assunti senza formalità aggiuntive, nonché i cittadini polacchi.

I datori di lavoro che non hanno mai assunto dipendenti dall’altra parte del confine orientale hanno spesso idee sbagliate sull’onere finanziario associato a tale occupazione. Ad esempio, che i dipendenti stranieri non sono interessati dall’aliquota minima polacca o che i contributi all’Istituto di previdenza sociale non li pagano.

Sebbene i lavoratori dell’Est spesso accettino di lavorare a tariffe inferiori rispetto ai connazionali in posizioni simili, la tariffa minima si applica allo stesso. Gli oneri assicurativi per l’Istituto di previdenza sociale li riguardano nella stessa misura dei polacchi – nello stesso importo, determinato in percentuale sulla base della remunerazione lorda.

Lavoratori dall’est: vantaggi

I dipendenti che vengono a lavorare in Polonia sono spesso molto più motivati ​​dei polacchi in posizioni simili. A causa del fatto che vengono in Polonia esclusivamente a scopo di lucro e per un determinato periodo di tempo, accettano di lavorare dopo ore, di cambiare lavoro, di notte, di domenica e festivi. Non lasciano il lavoro e non hanno la “sindrome del lunedì”. Si preoccupano semplicemente del lavoro e dei guadagni, che spesso formano la base della vita delle loro famiglie in Oriente.

 

Pubblicità :

Sono percepiti dai dipendenti polacchi come neutri o positivi. Solo le persone poco istruite temono che l’occupazione dei lavoratori dell’est “rovinerà” il mercato del lavoro in Polonia, cioè ci saranno meno posti di lavoro e i salari cresceranno più lentamente. Non dimentichiamo che per tutto il tempo non stiamo parlando di lavori “portati via” dai polacchi, ma di lavori che i nostri connazionali non vogliono. I dipendenti dell’Est sono spesso impiegati in lavori fisici pesanti, per i quali, nonostante il salario minimo, è difficile reclutare polacchi.

I più popolari tra i lavoratori dell’Est sono i cittadini ucraini. Costituiscono il più grande gruppo di stranieri impiegati in Polonia. Quasi il 20 percento delle aziende polacche impiega cittadini ucraini. Molto spesso, i lavoratori dell’est sono impiegati nella produzione, nelle fattorie e nei cantieri. Le donne oltre il confine orientale sono spesso impiegate come casalinghe, addette alle pulizie o baby-sitter. Questi impiegati sono coscienziosi, onesti, laboriosi e nonostante il fatto che spesso hanno diplomi universitari, di solito affrontano bene i compiti affidati.

I nuovi arrivati ​​oltre il confine orientale spesso decidono anche per le loro piccole imprese, che contribuiscono anche alla crescita degli investimenti in Polonia e spesso aumentano il livello di occupazione nel nostro paese. Come puoi vedere, assumere lavoratori dall’est è un processo che consente di risparmiare proporzioni sul mercato del lavoro polacco. Molti datori di lavoro dichiarano che i lavoratori dell’est hanno salvato la sua attività: lavori tempestivi in ​​cantiere, raccolti sulla terra e così via.

Non c’è dubbio che il numero di dipendenti oltre il confine orientale crescerà a beneficio dei luoghi di lavoro e non solo a causa dell’intera economia polacca. Forse è un’analogia in qualche modo esagerata, ma ricorda che anche gli Stati Uniti hanno costruito emigranti ed emigranti mantengono il loro potere.

tags “: collocamento, lavoro, Szczecin, i

Ten post dostępny jest także w języku: Inglese Ceco Francese Tedesco Polacco Svedese Danese Portoghese, Portogallo